La coltivazione della “vitis vinifera sativa” nei territori agricoli della provincia di Mantova e’documentata negli scritti del poeta latino Virgilio. Per le coltivazioni nelle zone di pianura, invece, ci sono documenti che parlano di viticoltura nell’anno 765 d.C.. Storicamente la produzione di vino risale al tempo dei monaci benedettini. In particolare sulla pianura a destra del fiume Po si è sempre coltivato il vitigno Lambrusco Mantovano. La DOC è stata riconosciuta nel 1987. Questa DOC è situata in due territori distinti, uno tra il fiume Oglio e il fiume Po e l’altro nell’Oltrepò Mantovano che coincidono con due sottodenominazioni: “Viadanese - Sabbionetano” e “Oltrepò Mantovano”.

 

Sabbioneta, fondata da Vespasiano Gonzaga, è stata costruita in base ai principi rinascimentali della città ideale alla fine del 1500, in quella terra compresa tra il Grande Fiume e l’Oglio, lungo il tracciato dell’antica via romana Vitelliana.